Il ritardo psicomotorio

La definizione ritardo dello sviluppo psicomotorio, viene utilizzata quando nello sviluppo del bambino si evidenzia la mancata acquisizione delle competenze motorie, cognitive e comunicative in relazione all’età cronologica. Rispetto quindi al ritardo motorio semplice, che si riferisce alle sole competenze motorie globali,nel ritardo psicomotorio vi è un armonico ritardo di tutte le funzioni adattive.

Rappresenta quindi una sindrome aspecifica non chiaramente definibile nei primi 2-3 anni di vita.

Il bambino con ritardo psicomotorio è  spesso definito dai genitori “molto buono e tranquillo”.

Un bambino che ovunque venga  “sistemato” non protesta  anzi viene quasi “dimenticato”, “un bambino che si intrattiene da solo e che si accontenta di quello che ha a portata di mano”.

Queste sono le descrizioni  che spesso  mi fanno i genitori di bambini con ritardo psicomotorio.

La scarsa iniziativa è infatti una caratteristica di questi bambini, che sono motoriamente abbastanza fermi, poco interessati a esplorare l’ambiente circostante.

Gli studi evidenziano che questi bimbi vengono inizialmente segnalati per le difficoltà a livello motorio.

L’atto  motorio è l’elemento iniziale con il quale  il bambino si relaziona con l’ambiente esterno e lo sviluppo motorio è  in stretta relazione con lo sviluppo cognitivo, sociale e comunicativo.

Il bambino attraverso il movimento modifica la realtà esterna e da questa azione riceve delle informazioni di risposta.

Alcuni studi ( Rubin e Balow 1980, Levi e Parisi 1981) hanno sottolineato come le difficoltà motorie, per cui questi bambini  vengono inizialmente segnalati, possano rappresentare  la prima espressione di una difficoltà di sviluppo più globale.

Altri lavori  (levi 1978; Flehmig 1980 )hanno dato maggiore importanza all’ipotesi che nei bambini con ritardo psicomotorio risulti cruciale e prevalente, come momento patogenico centrale, un disturbo percettivo.

Secondo questi autori il bambino con ritardo psicomotorio non è in grado di rilevare quelle informazioni percettive che sono utili per organizzare  e regolare i suoi programmi motori.

Altre ricerche sottolineano  delle atipie nelle strategie di apprendimento.

L’osservazione clinica e i dati degli studi effettuati, dimostrano come le iniziali di difficoltà nell’uso cognitivo dell’atto motorio e dell’atto percettivo, possono  andare ad interferire con lo sviluppo delle competenze prassiche , simboliche e comunicative.

In genere il ritardo delle competenze motorie globali ha un’evoluzione favorevole, pur con un ritardo nei tempi di acquisizione delle posture e del cammino, mentre può persistere un disordine nelle abilità motorie fini e complesse, che interferisce in tutte le fasi di elaborazione e controllo del comportamento motorio.

Lo sviluppo psicomotorio fisiologico del bambino è illustrato nell’estratto del Seminario “ Il Ritardo Psicomotorio, Diagnosi, Presa in carico e Riabilitazione precoce” .

Affinchè lo sviluppo del bambino sia fisiologico alcune acquisizioni devono verificarsi in determinati momenti.

Questo è uno dei motivi per cui la precocità dell’intervento, nel trattamento del ritardo psicomotorio è fondamentale.

Per questo medici e pediatri, in particolar modo, dovrebbero essere sensibilizzati rispetto a questo disturbo, essendo  le figure di riferimento che devono per prime allertare i genitori ed  eventualmente inviarle alle figure di riferimento (Neuropsichiatra Infantile).

La valutazione del bambino con ritardo psicomotorio, prevede oltre alla raccolta dei dati anamnestici, il profilo di sviluppo, che ci indica il livello raggiunto dal bambino  nelle diverse aree dello sviluppo:

  • Competenze motorio prassiche e percettive;
  • Competenze comunicativo-relazionali;
  • Competenze simboliche (gioco, grafismo);
  • Competenze linguistiche;
  • Competenze logico-cognitive;

Il ritardo coinvolge quindi anche il livello comunicativo-linguistico e spesso questi bimbi oltre ad essere silenziosi,  non presentano  quelli che vengono definiti i prerequisiti del linguaggio (indicare, mostrare, ecc).

Anche dall’osservazione delle modalità di gioco (sensoriale, funzionale, causa-effetto, simbolico) si può evidenziare un ritardo  rispetto all’età cronologica.

A volte il bambino con ritardo psicomotorio  può evidenziare una lieve alterazione del tono muscolare (ipotono- ipertono).

In questi casi  c’è un primo  dato anamnestico che giustifica tale ritardo.

I ritardi dello sviluppo psicomotorio legati a lievi alterazioni del tono muscolare, che non evidenziano danni neurologici e non sono legati a sindromi genetiche,  dopo l’intervento riabilitativo, si risolvono solitamente in maniera abbastanza rapida.

Comunque il ritardo psicomotorio, permane  spesso una diagnosi di attesa, per questo oltre alla valutazione funzionale, se il medico lo ritiene opportuno, sono fondamentali altri  tipi di esami (indagini genetiche, metaboliche, ematologiche,  risonanza magnetica, ecc.) per escludere altre patologie più complesse.

Questa diagnosi di attesa può chiaramente preoccupare un genitore, ma ci sono alcuni elementi che possono indicare una prognosi favorevole.

Tra questi  vi è il fatto che il bambino, dopo aver intrapreso il percorso riabilitativo,  evidenzia continui e piccoli cambiamenti, cioè  la presa in carico del bambino e quindi le terapie psicomotorie, le indicazioni fornite ai genitori ed eventualmente alle figure scolastiche che lo seguono portano a delle piccole ma continue acquisizioni di competenze.

Questo spesso non accade in alcune patologie dove la ripetizione e la stereotipia del comportamento sono parte della disabilità.

Il trattamento riabilitativo del bambino con ritardo psicomotorio deve quindi essere precoce, coinvolgere la  famiglia e le figure che ruotano intorno al piccolo (scuola , baby sitter, nonni, ecc.) e globale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *